Emigrante

Per i post relativi all'immigrazione in UK pregasi cliccare "Inghilterra" nell'indice a destra, piccoli bambini speciali!

venerdì 14 novembre 2014

La paura

Cari amici, ieri stavo leggendo un blog terrone quando mi è capitato sotto mano un articolo interessante:

http://www.rosalio.it/2014/11/14/ho-paura/

Porco il dio fottuto da cento macellai prima della macellazione...

Si, figlioli? Mi avete chiamato? Cosa posso fare per voi?
Zitto, dio, oggi non mi servi.

Allora, tale post mi ha impressionato parecchio dato che fotografa perfettamente l'atmosfera di palermo. Che dire, certe cose tendi a dimenticarle dopo tanti anni passati a vivere in un posto decente!

Palermo (e tutta l'italia in generale) è un posto dove si vive in preda alla paura. Vai al lavoro con la paura di essere investito o di restare bloccato nel traffico. Arrivi al lavoro e sei già stanco, stressato e impaurito. Lavori, e ogni momento lo passi a pregare di non essere licenziato o di non litigare con uno dei tanti incapaci raccomandati a cui devi fare sempre l'inchino e il sorriso. Esci dal lavoro e speri di trovare la macchina intatta. Torni a casa sperando di non trovarla aperta e svaligiata oppure occupata da un branco di zingari. Vai a fare la spesa sperando di non essere pestato e rapinato da un branco di delinquenti. Torni a casa e ti barrichi dietro una porta blindata degna di un carcere. Accendi la TV e vedi solo tragedie e brutte notizie. Vai su Jewbook e fai finta di essere ricco, bello, figo, con tanti amici e tanti interessi. Ti metti a letto e passi le ore a rigirarti in preda alle preoccupazioni. Ti svegli la mattina con la voglia di suicidarti.

No, dio facocero, ciò non è normale e non è accettabile. Non ha senso vivere la propria vita in preda alla paura, a meno che tu non sia un VFB in zona di guerra. Non è scritto da nessuna parte che tu debba tremare di paura ogni volta che ti si avvicina un delinquente, sapendo benissimo che lui potrà farti quello che vuole mentre la polizia ti arresterebbe subito se tu provassi a difenderti. Non ha senso che tu debba avere paura di uno sbirretto imbecille che fa il gradasso perché ha la divisa. Non ha senso che tu debba temere per la tua vita perché stai uscendo di casa a farti gli affari tuoi. Non ha senso che tu debba inchinarti di fronte alle prepotenze di un funzionario, perché altrimenti lui fa "smarrire la pratica".

Non ha senso che siano tutti così spaventati da non aiutare persone che vengono picchiate o rapinate in pieno giorno.

E no, cazzodio, ciò non è una conseguenza della crisi economica. Ho avuto a che fare con polacchi, ceki, ghanesi, nigeriani, e altra gente con una situazione economica peggiore di quella italiana. Nonostante fossero più poveri e con situazioni peggiori degli italiani, non erano così distrutti psicologicamente. Viceversa, ho avuto a che fare con parmensi danarosi e ho visto che non dormivano la notte per la paura. NON E'UNA FACCENDA DI SOLDI. 

L'italia è diventata piano piano un posto in cui tutti sono morti di paura, a parte i delinquenti.

Perché l'italia è diventata così? A me sembra una situazione troppo ben congegnata per essere casuale. L'italiano medio è impazzito dalla paura, non vede più niente, non capisce più niente, non è più in grado di capire niente se non appelli alla paura. Provate a parlare con un italiano medio e a osservarne bene le reazioni, in quasi tutti i casi lo vedrete isterico, tesissimo, sempre di corsa, incapace di ascoltare o di vedere qualcosa dato che è troppo preso da paure e preoccupazioni. 
Ah, dimenticavo di dire:

NEL RESTO DEL MONDO NON E'COSI'

Se non forse in Corea del Nord o nelle dittature militari. Vivendo fuori si nota subito l'atmosfera di calma e relax, inconcepibile per quelli vissuti in italia. Non dico che qui sia il paradiso, ma ci si sente mille volte più sicuri qui che nelle città italiane. Intendiamoci, io parlo di città italiane come Parma, Roma e Milano, non di città terrone-saudite.




Ecco, bravo Benjamin, hai ragione. La società italiana è diventata una società di bambini isterici, pronti ad attaccare chiunque pur di avere una minima illusione di sicurezza. La colpa è sempre degli altri: zingari, negri, immigrati, anarcoinsurrezionalisti, terroni. Basterà cacciare o eliminare quei "diversi" e si potrà finalmente dormire tranquilli la notte. Peccato che sia tutta una balla, e che i veri artefici del declino siano belli tranquilli, al sicuro nelle loro sinagoghe case.

Una persona che ha paura non pensa e non capisce niente. Liberatevi dalla vostra paura, e la vostra vita sarà finalmente degna di essere vissuta.

Perché state a sentire le fesserie di questo stupido Goy? Tornate su Facebook, è divertente!

8 commenti :

  1. Palermo e' una citta' che ricorda molto Indiana Jones: scimmie urlatrici ovunque e trappole mortali. Il palermitano medio non e' un bambino ma un macaco in calore che lotta per il territorio sbattendo il culo rosso in faccia a tutti, mostrando le zanne, battendosi il petto e demolendo tutto quello che si mette in mezzo alle sue chiappe rosse. Se devi uscire da casa inizi a sudare freddo all'idea di queste merde che proveranno a farti fuori con ogni mezzo...persino le femmine che hanno svaccato marmocchi proveranno a farti fuori a colpi di passeggino EHI TU TESTA DI CAZZO LEVATI DAI COGLIONI NON VEDI CHE HO IL BAMBINO? Esperienza personale sono stata aggredita fisicamente da due femmine di specie non identificabile che erano a bordo di un'auto: come ogni primate che si rispetti non hanno accettato che le abbia rallentate per una precedenza e sono scese calciando la mia auto e colpendomi per poi scappare. inutile dire che l'avvocato a cui mi ero rivolta a detto "siamo ridotti in riserve". Sono animali, peggio, sono incroci con animali esposti a radiazioni. Merdopoli sguazza nella merda che scagazzano queste bestie SUV munite e con la pronuncia a culo di gallina.."pero' c'aviemu u suli, u mari" (tr. pero' abbiamo il sole, il mare...) ficcatevelo su per il culo sottospecie di scimmie incapaci di distinguere un analfabeta da una persona colta...a meno che tu non sfoggi griffe e gadget costosi acquistati non pagando tasse e facendo battere i tuoi figli minorenni. Fanno rimpiangere Adolph Hitler e Chernobil. Crtisto boia; cammini in via Liberta' (via figa) e la gente ti guarda schifata se non sei griffato...e intanto ti mollano il suv SUL marciapiedi, urlano fonemi inarticolati al cellulare e smerdano di sporcizia tutto...pero' hanno l'iphone e il suv...e non pagano tasse in genere. Si fottono l'energia elettrica per le loro botteghe di merda ma PRIMA invitano il sindaco alle inaugurazioni...uno di loro ha tenuto lezioni alla Bocconi..CRISTO MA SI SONO FOTTUTI IL CERVELLO PURE LA'? I paladini del pizzo-free che si fanno i soldi con la pubblicita' antimafia (la mafia serve serve sempre pare) pero' occupano il suolo pubblico e non hanno le licenze...UARGH-UARGH-UARGH-MOUUUUUUUUUUUUUUWWWWWWWWWWW...QUESTI SONO I FONEMI MEDI CHE RICORDANO I MUGGITI DELLE VACCHE. Merdopoli: se la conosci la eviti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo in pieno, ma ti ricordo che questo e' un blog dedicato alle bestemmie verso la merdosa trinita' e tutti gli altri dei puzzolenti di merda, non alla causa antiterrona (che comunque apprezzo e rispetto). Se odio i terroni e' solo perche' sono quasi tutti cristianacci anali, non solo perche' terroni. Non trasformiamo questo blog in una sede della lega lombarda, madonnaccia badante rumena che pulisce il culo di bossi!

      Elimina
    2. Ok..per definire meglio il merdopolitano: sono ebrei di merda che baciano il culo a preti che si trombano i bambini in nome di porco dio

      Elimina
    3. porco dio in salsa rosè, e io ero convinto che Napoli fosse una merda... a confronto sembra Parigi

      Elimina
    4. Secondo l'opinione di gente che ha vissuto entrambi i merdai, sembra che napule' sia peggio ma che palermo sia comunque ai livelli di una bidonville messicana. Ci sono anche i santini del dioporco sulle mura degli edifici!

      Elimina
  2. cmq non è per fare lo stronzo, ma ti faccio notare che ti contraddici da solo: dici che gli italiani buttano sempre la colpa sugli altri (verissimo) e poi dai la colpa ai massoni.
    E se invece fossero semplicemente degli incivili teste di cazzo, incapaci di organizzazione sociale e di civiltà? Certamente anche la cultura capitalista di merda, MTV e tutte quelle puttanate ci mettono il carico da 90, però già a monte gli italiani (come tutti i latini, come diceva giustamente uno nei commenti del blog che hai citato "siamo ai livelli dei paesi del Sud America") sono delle bestie decerebrate, ignoranti ed egoisti.
    Ma se è per questo neanche negli US scherzano (mai visto God Bless America?). Poi che in Inghilterra la situazione sia meglio, non ne sono realmente convinto. Forse dipende dalle zone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende molto, molto dalle zone.

      Elimina
    2. il problema è che la gente degradata si sposta. Non puoi sperare di metterli tutti in un ghetto chiuso stile 1997 Fuga da New York e lasciare le zone "buone" intatte. A Napoli è uguale, i quartieri del Vomero e Forcella sono il meglio che il sud possa offrire, ma i criminali ci sono lo stesso perchè vengono dalla provincia.

      Elimina

Ma che cazzo vuoi? Chi sono secondo te, quel porco di cristo?