Emigrante

Per i post relativi all'immigrazione in UK pregasi cliccare "Inghilterra" nell'indice a destra, piccoli bambini speciali!

martedì 17 marzo 2015

Life in modern England part 8 - Cercarsi casa

Cari amici, era da un pò che non scrivevo un post serio sull'immigrazione. Forse ciò è' dovuto al fatto che mi sono rotto i coglioni di vedere i laureati del DAMS che vengono qui con la spocchia di quello che si ritiene un dio (porco) sceso in terra... Vabbè, oggi parleremo di un argomento che sta molto sul culo a chi vive e lavora in UK, ossia la casa.


Premessa


In questo articolo parliamo di quelli che sono venuti in UK per lavorare. Se non avete intenzione di fare un cazzo, saltate l'articolo e dedicatevi ad altre attività.

In UK trovare una casa decente e' un vero incubo. Se vi offrono un lavoro (ma chi cazzo vi vuole assumere a voi merdacce?), prima di firmare il contratto fate in modo da essere sicuri di avere trovato un alloggio decente e di avere fatto il conto dei prezzi delle case. Potreste avere la brutta sorpresa di avere accettato un buon lavoro con uno stipendio insufficiente a pagarvi una vita decente, dato che l'affitto e' assurdamente alto. Ciò vi costringerebbe a cercarvi un secondo lavoro serale.

Ora, immaginiamo che abbiate trovato un posto dove studiare o lavorare, Ma che minchia dico, gente del cazzo come voi al massimo se ne va a servire ù cafè a Londonistan o a spacciare a Tottenham in mezzo ai negroidi... Vabbè, avete trovato un posto dove andare a vivere. Adesso dovete trovarvi casa. Ci sono varie opportunità:


Trovare casa


Il modo migliore per trovare casa è via Internet, soprattutto se cercate in una città grande. In campagna trovare casa è difficilissimo, e vi conviene andare in loco e cercare gli annunci locali o tramite il passaparola tra i paesani del cazzo. Spesso si trovano gli annunci nei Corner Stores e nei supermarket locali.

Una volta trovato casa, potreste trovarvi di fronte a un padrone di casa privato (Private Landlord) o a un'agenzia (Letting Agency)

Private Landlord


In generale i padroni di casa privati sono gente decente (a meno che non siano musulpaki o indiani), anche perchè qui in UK le leggi sulla casa sono prese in modo molto serio. Evitate come la peste quelli che affittano in nero, qui è un reato grave e se vi prendono vi inchiappettano di brutto, oltre a non essere tutelati se il padrone di casa prova a fare il bastardo. Parlando di questo, secondo il contratto di affitto i soldi del deposito vengono tenuti da un arbitro estraneo ad affittuario e padrone di casa, in modo che nessuno dei due possa fare lo stronzo. Se fate tutto secondo le regole avete poco da temere. Se un landlord affitta in nero, scappate. Ovviamente, pagate l'affitto solo tramite trasferimento bancario, mai cash in hand.
In generale un live-in landlord, ossia un landlord che vive nella casa e affitta una stanza, si comporta meglio di un landlord che non ci vive, ma ci sono eccezioni.

A proposito, senza il contratto di affitto non potete fare niente di legale. Il contratto serve per aprire un conto in banca, accedere a benefits, avere un medico curante, una tessera alla biblioteca e così via. Non se ne può fare a meno.

Letting Agencies


Le agenzie immobiliari in UK sono un branco di ebrei. Punto.

Tipico agente immobiliare britannico
Serve altro? OK, andiamo in dettaglio. Le agenzie si occupano di gestire il rapporto tra affittuario e padrone di casa, così che il padrone si prenda i soldoni senza doversi scassare la minchia nel gestire la casa. Il problema è che queste agenzie, spesso gestite da gentili signori di etnia mediorientale, cercheranno sempre di spremere gli affittuari come limoni. Dite pure addio al vostro deposito, quegli ebrei cercheranno SEMPRE il modo per tenerselo, additando danni inesistenti alla casa, cavilli assurdi sul contratto e così via.

PROTIP: Esiste la "small claims court" proprio per casi come questo. Basta andare da un avvocato di merda di quelli "No win, no fee" e fargli fare causa, al 99% vincete e gli fate pagare pure le spese processuali. Le agenzie contano sul fatto che lo studente o l'immigrato medio siano troppo stupidi o troppo menefreghisti per accollarsi il processo.

Evitate le agenzie se potete. Se non potete evitarle, comportatevi da ebrei più ebraici del vostro padrone di casa. Il primo giorno fotografate tutto quello che avete a casa e datate le foto con giornali locali. State pronti per il tentativo di inculata che arrivera' di sicuro.


Inculate addizionali


Secondo il sacro principio del "non c'è due senza tre", (molto valido nel caso delle inculate) ci sono altri problemi da considerare durante la scelta della casa:

Il primo è il riscaldamento. A meno che non siate montanari del cazzo abituati a vivere come il nonno di Heidi, il riscaldamento è FONDAMENTALE. Il problema è che qui gas e corrente costano tantissimo, quindi se non vivete in una casa ben isolata rischiate di dover scegliere tra mangiare e tenere acceso il riscaldamento. Evitate gli attici e i posti con i termosifoni elettrici, funzionano bene ma la bolletta alla fine sarà un'inculata selvaggia.

Parlando di corrente elettrica, in nome di Dio evitate accuratamente i contatori con la chiavetta, anche detti Pay-as-you-go! Questi contatori vanno ricaricati con un'apposita chiavetta ricaricabile. Il problema è che vi fanno pagare tasse e canone aumentandovi a morte il costo della corrente. A voi sembra di pagare solo quello che consumate, in realtà vi stanno inculando a sangue. Se possibile evitate case con questo contatore, oppure tenete conto che almeno un pound al giorno di elettricità ve lo spenderete, molto di più se usate cucina/forno/riscaldamenti elettrici!

Ovviamente c'è sempre il cretino che dice: "Guardate quanto sono figo, pago solo i consumi, metto 20 pound nella chiavetta e me li da tutti come consumo!". Inutile spiegare a una simile testa di minchia che il costo della corrente (pound per Kwh) è molto piu' alto rispetto a un contatore normale. Certa gente se lo merita il cetriolo in culo, perchè levarglielo?

Tipico "Pay-as-you-go meter"


1 commento :

Ma che cazzo vuoi? Chi sono secondo te, quel porco di cristo?