Emigrante

Per i post relativi all'immigrazione in UK pregasi cliccare "Inghilterra" nell'indice a destra, piccoli bambini speciali!

mercoledì 13 maggio 2015

Life in modern England part 9 - la provincia inglese

Porco il dio.


Cari amici, l'altro giorno stavo parlando con degli altri emigranti (gente seria, studenti di materie scientifiche, non inutili teste di minchia come voi) della vita in UK. Uno dei punti interessanti della discussione è stato la vita in UK fuori dalle grandi città. Nella speranza che qualcuno di voi merde si decida a smuoversi dalla cameretta e ad emigrare, riporto i punti salienti della discussione:


Versione corta per analfabeti funzionali


La provincia inglese fa schifo al cazzo. Sembra di stare in una vallata sperduta del Friuli o in una borgata di montagna dell'entroterra siculo. Non c'è un cazzo da fare, i prezzi sono assurdi e i locali sembrano la versione inglese degli abitanti di Innsmouth.


Versione lunga per lettori alfabetizzati


La provincia inglese è un posto molto particolare. Potrebbe anche piacervi, se vi piacciono le devastazioni post-industriali o le campagne spopolate dall'abbandono. In UK appena uscite dalle grandi città vi troverete in una situazione di abbandono tale da farvi sembrare la peggiore provincia italica come un paradiso cosmopolita. In provincia non c'è letteralmente un cazzo da fare, dato che tutte le attività si spostano verso le grandi città portandosi dietro tutto il capitale umano (cioè tutti quelli senza tare genetiche) e tutti i giri di soldi. In provincia non ci sono opere pubbliche, non c'è nessuna vita sociale o culturale e non ci sono mezzi pubblici. Se non avete un'auto privata preparatevi a passare molto tempo a casa.
Nella provincia si possono trovare locazioni di vario tipo:


Tipico villaggio inglese


Nel tipico villaggio inglese c'è una fila di case, un cornerstore gestito da una famigliola di pakistani del cazzo, un pub. Niente altro. Punto. Potete anche girare nudi per strada, il posto è disabitato se non per i suddetti pakistani del negozio e per degli esseri deformi che si trascinano periodicamente al negozio per fare scorta di sidro e sigarette. Camminando per strada potreste intravedere dei movimenti con la coda dell'occhio, sono gli abitanti del posto che si nascondono impauriti dalla vista di uno Homo Sapiens col numero giusto di cromosomi. Evitate di attardarvi per strada, ma non temete perchè i locali sono troppo deboli per essere pericolosi, a meno che non li andiate a disturbare al pub.


Tipico villaggio inglese nella commuter belt


Stessa cosa di prima, ma si tratta di un posto dove tutti si alzano alle sei per prendere il primo treno per Londra. Sono villaggi fantasma che si svuotano completamente durante la giornata. Spettrale! Inoltre le case sono giudaicamente costose, dato che sono destinate ai fighetti che lavorano nella City e che non sono abbastanza miliardari da permettersi casa a Londra. La maggior parte dei posti nel Cambridgeshire o Berkshire rientra sotto questa categoria.


Tipico pub inglese in mezzo al nulla


Il pub inglese è una succursale della casa del paesano inglese, il posto dove l'inglese vive quasi tutta la sua vita fuori casa e spende la quasi totalita' dei suoi soldi guadagnati onestamente. Entrare in un pub è un'esperienza surreale; di colpo tutti i britannici smetteranno di parlare e vi guarderanno come un essere umano sano e normale guarderebbe un rinoceronte che sta entrando nel salotto di casa sua. 
!!!ATTENZIONE!!! Il pub è l'unico posto che l'inglese difenderebbe, dato che ci passa quasi tutta la sua vita! Comportarsi in modo sbagliato in un pub causerebbe reazioni violente da parte dei paesani locali, cosa molto sconsigliata per la salute.  D'accordo che gli inglesi sono quasi tutti schifosamente obesi, malati di fegato, alcoolizzati e diabetici, ma se vi circondano sono cazzi amari.

Anglosassone al sabato mattina

Il mio consiglio è bersi una birra in silenzio e andarsene senza rompere i coglioni a nessuno. Sentire la gente locale che riprende a ridere e scherzare appena uscite dalla porta è un'esperienza sconcertante.


Enclave etnica


Date le pietose condizioni psicofisiche dell'inglese medio, le poche fabbriche ancora aperte sono state costrette ad importare grandi quantità di operai diversamente bianchi. Le etnie più rappresentate sono i musulpaki, gli indianegri e i polacchi. Questi gruppi si sono raccolti tra loro e hanno formato delle piccole comunità insulari dove hanno mantenuto il loro stile di vita. La qualità della comunità dipende, ovviamente, dalla gente che l'ha fondata. Ad esempio, se andate a Walsall (detta anche Nuova Lahore) troverete scene come questa:

La zona signorile e pulita di Walsall


Mentre se andate a Evesham (detta anche Kurwa City o Nuova Varsavia), vedrete scene come questa:
Lo slavo: sta in tuta, beve come una spugna e fa lo squat, ma in generale è tranquillo


Il cagaio post-industriale


Grazie alle politiche della Thatcher, la gran parte dell'industria e delle miniere inglesi è andata allegramente a farsi fottere. Diciamo che ai politici dell'epoca non conveniva avere un paese industriale e un sindacato forte, quindi hanno preferito mandare l'industria in merda e concentrare tutti i soldoni e le attività nella City. Ciò ha reso la City il paradiso della finanza, ma ha trasformato buona parte della provincia industriale inglese in cagatoi dove i figli dell'ex working class inglese trascinano le loro esistenze tra disoccupazione cronica, alcoolismo, benefits e case popolari. Dato che la Thatcher non poteva deportare o ammazzare la grande massa di disoccupati creati dalle sue politiche (anche se avrebbe voluto), li ha tenuti buoni elargendo benefits a piene mani e costruendo un'enorme quantità di case popolari. Dato che alla fine l'ignorante non ha alcuna mira politica, basta dargli una casetta, dei soldini e alcoolici a basso costo per farlo stare tranquillo.
Un esempio tipico di questa desolazione umana e materiale è la città-bucodiculo di Hull:


Ci sono descrizioni accurate di questi cagatoi su siti come ilivehere.co.uk o su chavtowns.co.uk

Gli inglesi di paese


Gli inglesi di città hanno almeno un'idea del fatto che esista un mondo al di fuori del loro quartiere e del loro pub, mentre l'inglese del paesino NO. L'inglese di paese è come il leghista veneto o il terrone orgoglioso: per lui esiste solo il suo paesino di merda, tutto il resto del mondo deve stare fuori ed essere cacciato via appena prova a disturbarlo. Non provate mai a fare amicizia con un paesano inglese, avrete sempre a che fare con gente di un'ignoranza e di una chiusura mentale indescrivibili. 


Conclusioni


Dioporco.

Se potete, evitate accuratamente la campagna inglese a meno che non vogliate fare i commuters per Londonistan oppure non abbiate nostalgia del vostro paesino di  merda vicino Codroipo. Se vi chiamano per lavorare in un posto in provincia, fate MOLTA attenzione ai costi delle case, agli spostamenti, alla logistica e al fatto che senza un'auto non potrete proprio vivere. Rendetevi conto del fatto che se vorrete una vita sociale dovrete raggiungere una città degna di questo nome.


12 commenti :

  1. si ma maledetto sia il Dio, quell'immagine di Walsall è traumatica, è possibile che un posto del genere si trova in UK? Ma io voglio pure ammettere che sono dei negri terroni ma porco il Signore, uno straccio di piano regolatore? Allora fanno bene qui nel Paese del Sole che agli zingari danno gli appartamenti con acqua/luce/gas pagati da noi stronzi, sempre meglio di avere una baraccopoli che farebbe vergognare pure gli abitanti delle favelas

    RispondiElimina
  2. apro e chiudo parentesi, la Tatcher (mi rifiuto di scriverlo correttamente) è stata la più grave sciagura mai occorsa alla politica umana, che per giunta ha avuto risonanza internazionale e si vedono gli effetti

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wot, dio ovino, perche' minchia continui a fare commenti e a cancellarli cinque minuti dopo? In ogni caso a me arrivano le replies nell'inbox, quindi le cose che scrivi le vedo comunque. Non fare il Don Abbondio suinolatra, tanto qua non morde nessuno. Al massimo ti arrivano un paio di insulti e di bestemmie.

      Elimina
  4. dio cane morto mongolo , io lavoro con inglesi di provincia dio merdoso, sono il primo straniero asunto in questa azienda! dio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In che zona? Come ti trovi? Confermi le mie analisi o hai qualcosa da obiettare? Dio macchiolina di sterco equino!

      Elimina
  5. Rettiliano sono l'elettricista a Bristol dio merdoso!!!!! :)
    si dio cane sono chiusi, mi trattano bene ma per colpa di Padre Pio mongoloide mi fanno battutine spesso cane dio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccheccazzodio, scusa, ero fatto di kobrett arrivato fresco fresco da Secondigliano!

      Elimina
  6. La maggioranza degli italici pensa che l'inglese medio è come i fattoni del cazzo( anche se mi piace farlo anche a me a volte :) ) che ci sono a Londra o nei centri città quindi dio ludro solo feste festine e multietnicismo dio can ma non sa dell'inglese ultra-patriottico ,filo-monarchia ,chiuso e/o distaccato dalla vita di città dio cane da caccia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno dovrebbe spiegare agli italiani del cazzodio che Londra è diversa dal resto dell'UK, ma tanto agli italioti si fa prima a fare entrare una cosa nel culo che in testa.

      Elimina
  7. Porcodio.
    Ma scusa, quei paesini belli della campagna inglese con le case in pietra, l'edera rampicante e i fiori, dove si trovano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per esserci ci sono, ma sono dei posti deprimenti al massimo, senza lavoro, senza vita sociale , senza servizi pubblici e senza speranze.

      Elimina

Ma che cazzo vuoi? Chi sono secondo te, quel porco di cristo?