Emigrante

Per i post relativi all'immigrazione in UK pregasi cliccare "Inghilterra" nell'indice a destra, piccoli bambini speciali!

lunedì 13 luglio 2015

La traduzione del Corano

Cari amici, oggi parleremo del coranaccio, il libro sacro in cui il Profeta spiega le regole dell'Islam ai suoi seguaci. Buona lettura.

Premessa


Intanto, cosa dicono i nostri cari amici maomettani sul coranaccio: loro ci dicono che non lo si studia in arabo non ci si capisce niente. Per loro, non si può criticare l'Islam e il coranaccio senza sapere l'arabo.

Più chiaro di così si muore

La verità:


Ovviamente, questa è una delle tante puttanate dei maomettani. Quando un maomettano viene criticato per i comportamenti dei seguaci della sua religione suina, la sua risposta è quella di leggere il corano. Quando la persona che hanno davanti ha letto il corano e gli risponde a tono, la loro risposta è: “No, quella è una traduzione e non vale niente. Se vuoi capire il Corano devi leggerlo in Arabo”. A questo punto la discussione si ferma, dato che nessuno ha voglia di passare anni a imparare un linguaggio grufolante solo per discutere con un cammellaio semianalfabeta e probabilmente anche pedofilo.

No, grazie. Non ho voglia di imparare l'Arabo per discutere con te


Questo stratagemma fa capire che i maomettani non hanno l'idea di dialogo, almeno non come lo intendono gli esseri umani. I maomettani vogliono solo isolarsi dalle critiche, dato che non sanno come discutere umanamente (un poco come i terroni). Questo isolamento cozza con la pretesa maomettana di avere una religione universale, ma la logica non è mai stata un loro problema (altro punto in comune con i terroni).

Per prima cosa chiediamoci se è possibile tradurre il coranaccio in un'altra lingua o no. Se si, allora non c'è bisogno di imparare l'Arabo. Se no, allora è inutile imparare l'Arabo, dato che il coranaccio è intraducibile da uno che non sia di madrelingua araba. Chiunque conosca più di una lingua sa che ci sono sfumature nel linguaggio che sono difficili da tradurre, ma che alla fine si può tradurre tutto. Non esistono espressioni del tutto intraducibili. Anche se fosse così, come mai Allah, il suino supremo, ha deciso di scrivere in una lingua che pochi parlano e che non si può tradurre? Se è per questo, la grande maggioranza dei maomettani, imam compresi, non parla l'arabo.

Curiosamente, questa strana reticenza linguistica è una cosa recente, che coincide col momento in cui il mondo occidentale è entrato in contatto col mondo maomettano. E' solo da poco tempo che i maomettani hanno iniziato a cercare significati nascosti e spiegazioni alternative ai passi coranici che gli occidentali riterrebbero ripugnanti, ad esempio quelli in cui si giustificano schiavitù, guerra santa, discriminazioni, oppressione delle donne, stupri, violenza domestica.


L'Islam è l'unica religione al mondo che afferma di poter essere capita solo nella propria lingua, oltre ad essere l'unica il cui testo sacro viene sempre accompagnato da note e spiegazioni in cui si cerca di compensare per i passi più violenti e intolleranti. La bibbia, ad esempio, di solito viene stampata per come è stata scritta.

Un altro problema è il fatto che gli apologisti vogliono la botte piena e la moglie ubriaca. Da una parte, dicono che il “libro perfetto” non può essere tradotto e che la “religione perfetta” non può essere capita se non tramite un esercito di interpreti e di insegnanti. Dall'altra parte, dicono che i terroristi sono semplicemente vittime di “cattivi maestri” che gli hanno spiegato male la Religione di Pace.

Ecco cosa succede a tradurre male il coranaccio! Cattivi traduttori!


L'ironia è che Osama bin Laden era un saudita di madrelingua Araba, così come molti degli ufficiali e dei soldati di al-Qaeda. Se è per questo, molti dei critici più feroci dell'Islam sono di madrelingua Araba, cosa che gli apologeti dell'Islam si dimenticano solo quando gli conviene. Le stesse persone si permettono di criticare la bibbia senza sapere una parola di Ebraico o di Greco, cosa che non gli da problemi.

L'arabo classico, ovvero i problemi della traduzione


A questo punto, l'apologeta (se non è già scappato o non ha minacciato di decapitarvi) ha solo un'ultima via di fuga, ossia affermare che il coranaccio può essere capito solo se studiato in Arabo classico, ossia il dialetto della tribù Quraish di Maometto. Tale lingua non è più in uso da oltre mille anni ed è conosciuta solo da pochi studiosi: in generale studenti Wahhabiti (detti anche Salafiti) noti per essere tra i peggiori fanatici di tutto l'Islam.
Mi sembra impossibile che ci siano talmente tante differenze tra l'Arabo moderno e l'Arabo classico da trasformare un testo di pace, amore e tolleranza in un manuale per pedofili pluriomicidi. Anche se fosse, rimarrebbe la domanda: come mai il “libro perfetto” della “religione perfetta” è quasi impossibile da leggere ed è soggetto a tali “fraintendimenti” con conseguenze sanguinose e orrende?

Tranquilli, ragazzi. è stato tutto un errore nella traduzione!



Insomma, come al solito gli apologeti dell'Islam si comportano come i bambini dell'asilo. Per loro, le regole si applicano solo agli avversari e mai a loro. Quando si parla di dire bene dell'Islam, la barriera linguistica non è mai un problema, così come non lo è quando si vantano di avere più convertiti di tutte le altre religioni. Che razza di “convertiti” sono questi, se loro (così come la maggior parte dei maomettani, se è per questo) non parlano una parola d'arabo e recitano le preghiere a memoria?
Il problema peggiore per i maomettani è il fatto che ormai i “testi sacri” e la storia dell'Islam sono disponibili a tutti, cosa che li imbarazza a morte per le porcherie che ci sono scritte. La loro unica difesa, patetica e infantile, è il fare finta che ci siano significati nascosti in lingua araba.

Tutta gente che ha letto in coranaccio in Arabo...


Conclusioni: islam e cristianesimo a confronto


Il problema linguistico è uno dei motivi per cui molti maomettani sono bravissime persone: molti di loro non sanno l'arabo, non conoscono il coranaccio e non sanno cosa stanno pregando dato che recitano le preghiere a memoria. Molti di loro rimangono onestamente sorpresi quando vengono messi a confronto con i contenuti violenti della loro stessa religione, così come il “cattolico” italiano medio cade alla seconda domanda in teologia cristiana. In generale, il maomettano medio è maomettano così come il cristiano medio è cristiano: solo di nome e per sentito dire.


Gli dei si comportano come gli uomini che li hanno creati

13 commenti :

  1. come mai Allah, il suino supremo, ha deciso di scrivere in una lingua che pochi parlano e che non si può tradurre?
    perché è la lingua degli Dèi e gli Dèi sono solo coloro che padroneggiano al meglio la lingua degli Dèi che parlano solo gli Dèi. Gli uomini non contano un cazzo :O

    Sta cosa che tentassero di dare spiegazioni ai punti violenti e brutti del Corano non la sapevo. In effetti almeno i cristiani rispondono, davanti al fatto che il Dio biblico uccida più persone di Satana, che quello era un Dio cattivo.

    Il punto è che entrambe le religioni, come le tante altre, richiedono solo di rispettare regole, e non di capire ciò che seguono. Un pò come obbedire all' ordine di sparare il nemico senza domandare se si è oppressori che invadono il territorio nemico od oppressi che uccidono per difendersi.

    E comunque, alla fine, non ci ho capito una sega dell' Islam. Perché c'è qualcosa da capire... vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi distruggere un nemico devi capirlo alla perfezione, meglio ancora di quanto lui capisca sé stesso. Solo in tal modo potrai sfruttare le sue debolezze e lasciarlo fottuto peggio di una puttana babilonese dopo il passaggio delle truppe cammellate.

      Elimina
    2. L'islam è un software efficace perché ipersemplifica ma proprio per questo è vulnerabile a fenomeni di 'imbastardimento', come testimoniano i frazionamenti e i seguenti conflitti interni che seguono quando vengono raggiunte estensioni di una certa rilevanza. Questa strutturale debolezza dovrebbe essere utilizzata nei casi di entità islamiche sviluppate

      Elimina
    3. Esatto. Uno dei passatempi preferiti dei maomettani e' il massacrarsi tra sciiti e sunniti, oltre che tra arabi e non arabi e tra tutte le migliaia di fazioni interne. E' vitale conoscere queste divisioni e sfruttarle. Finche' i suini si ammazzano tra loro non hanno tempo per rompere i coglioni agli umani.

      Elimina
    4. Penso però che il nostro rapporto con l'Islam non possa essere gestito del tutto in modo pacifico. Evitando di impantanarsi in inutili imprese ed occupazione senza futuro, servirebbe una dimostrazione di forza, possibilmente di una durezza eclatante, che chiarisca come l'Occidente non possa essere considerato una facile preda. Sara vero che chi semina vento raccoglie tempesta, ma è anche vero che si rispetta soprattutto chi si teme. Dopo credo che sarà anche più facile intavolare rapporti reciprocamente proficui.

      Elimina
    5. Beh, storicamente i commerci con il mondo islamico sono stati irrinunciabili, soprattutto per noi italiani. Basti pensare a Venessia! Il problema e' che il maomettano ha bisogno di temere qualcuno per rispettarlo. Se gli europei mostrassero i muscoli, senza fare le immonde cazzate degli americani in medio oriente, allora i maomettani li rispetterebbero e tratterebbero con loro alla pari. Invece, per ora i maomettani ci vedono come idioti senza palle e cercano di fregarci ad ogni occasione. Insomma, avere a che fare con i maomettani e' come avere a che fare con i napolecani!

      Elimina
    6. Infatti non ho mai capito un cacchio di sciiti e sunniti.

      Anche nella Bibbia si possono leggere tantissimi episodi dove le donne non contavano niente e sembravano estremisti come i musulmani. Poi per fortuna, un pò si sono evoluti ( forse grazie alla spudorata tecnica di far divenire Maria una divinità - nonostante nel testo si ammoniva dal non divinizzare e adulare reliquie ).
      Quindi i musulmani non si sono mai evoluti? Come mai nessuno in quella Terra ha tentato di sbilanciare questo equilibrio malato fra i vari individui della loro società?

      Elimina
    7. Noi abbiamo avuto riforme, controrifome e illuminismo. Gli occidentali hanno imparato a fare ragionamenti che prescindessero dalla religione. I maomettani non hanno MAI avuto nulla del genere. Tutti i tentativi di riforma sono finiti male, spesso con l'omicidio dei riformatori.

      Elimina
  2. allora se si vuole sconfiggere l'islam radicale, con quale fazione suina bisogna allearsi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con quelli che non ti stanno sparando addosso...

      Elimina
    2. dico sul serio. Quoto: Se vuoi distruggere un nemico devi capirlo alla perfezione, meglio ancora di quanto lui capisca sé stesso. Solo in tal modo potrai sfruttare le sue debolezze e lasciarlo fottuto peggio di una puttana babilonese dopo il passaggio delle truppe cammellate.

      Ne parli come se avessi un'idea abbastanza chiara di quale fazione appoggiare. Io ho visto quel famoso video sulla "storia" della Siria, ora ho una mezza idea di come sono divise le fazioni (sicuramente più di prima, che non ne sapevo meno di niente), ma non mi è ancora molto chiaro se l'alleanza Berlusconi-Putin-Assad sarebbe una cosa saggia. E poi l'america come la prenderebbe?

      Elimina
    3. Putin non è uno stinco di santo, ma sempre meglio degli ammerrigani. L'Italia è nella posizione di chi negli ultimi anni ha fatto tantissimo per avvicinarsi alla Russia putinista e molto per allontanarsi dagli USA, quindi è meglio coltivarsi questa (scomoda) alleanza, anche perchè se Putin si incacchia ci chiude i rubinetti del gasdotto e questo inverno la pasta la mangi cruda.

      Elimina
    4. Inutile non poter condividere questo tuo ultimo commento, Rettiliano.
      Il voler distruggere le fazioni che si oppongono ad Assad significa uccidere "i sostenitori dell' Islam nell' Islam". In pratica è come se l' Italia entrasse con la forza in Vaticano e obbligasse il Papa a diventare laico e cambiare il suo comportarsi con i suoi fedeli.
      É ciò che stanno facendo in Siria, e non solo lì.

      Infatti ciò che stava facendo il Berlusca era il tenere Putin come grande amico ( ma lo faceva anche con Bush e quindi alla fine nessuno dei due aveva capito se il nostro vecchio premier gli stesse prendendo per il culo o stava cercando solo di tenere le acque calme per il buon vivere ).

      Gli Stati Uniti hanno le loro risorse ( stanno distruggendo l' Alaska per il petrolio ), la Russia anche, l' Italia no. O almeno non quanto ne abbiano gli altri due Paesi ( per la cronaca, gli italiani all' estero http://www.eni.com/it_IT/media/comunicati-stampa/2015/08/Eni-scopre_offshore_egiziano_il_piu_grande_giacimento_gas_mai_rinvenuto_nel_Mediterraneo.shtml ).

      Elimina

Ma che cazzo vuoi? Chi sono secondo te, quel porco di cristo?