Emigrante

Per i post relativi all'immigrazione in UK pregasi cliccare "Inghilterra" nell'indice a destra, piccoli bambini speciali!

sabato 1 agosto 2015

2083 Una dichiarazione di indipendenza europea - Libro 2.22 Come avere a che fare con i giornalisti

2.22 Come avere a che fare con i giornalisti


Se venite avvicinati da un giornalista, comportatevi col massimo della diffidenza. Vari dati confermano che i giornalisti occidentali non rappresentano l'opinione degli europei, ma quelle di una cabala di neomarxisti. Un sondaggio del 2009 ha dimostrato che il 98% degli studenti norvegesi presso la facoltà di giornalismo ha espresso preferenze verso i partiti che sostengono il multiculturalismo[1], a differenza del 50% della popolazione in generale, e che il 70% di loro sostiene partiti di orientamento socialista. Essendo conservatori e a sfavore del multiculturalismo loro ci vedranno automaticamente come nemici, cosa da considerare ogni volta che si avrà a che fare con loro. Le agenzie stampa europee non sono obiettive e non sono libere. I giornalisti vanno considerati come agenti politici del multiculturalismo e come attivisti di sinistra, col chiaro intento di contribuire all'immagine pubblica del multiculturalismo e della “political correctness”.

I giornalisti faranno di tutto pur di farvi apparire come terroristi, razzisti, pazzi, estremisti, fascisti, nazisti e bigotti. Farsi intervistare da loro senza alcuna garanzia è il modo più veloce per farsi rovinare permanentemente la reputazione. Anche se non ci sono legami tra l'intervistato e gruppi nazifascisti, li fabbricheranno ad arte. Ad esempio, una pratica comune è quella di cercare tutti i contatti Facebook dell'intervistato fino a trovarne uno con opinioni razziste o nazifasciste. Se l'intervistato è politicamente pericoloso, potrà essere descritto come un pedofilo o come un pazzo. Quale che sia il modo, troveranno comunque una scusa per rovinare la reputazione dell'intervistato, come hanno già fatto con decine di migliaia di conservatori. Questo è il loro lavoro, cosa da non dimenticare mai quando si ha a che fare con loro.

L'Europa di oggi non ha alcuna agenzia stampa di destra. Non esistono agenzie stampa obiettive e libere dal pregiudizio multiculturalista. Solo un maestro del linguaggio televisivo potrebbe affrontare un'intervista senza porre prima delle condizioni legali.


Un esempio di condizioni legali da dare a un'agenzia:

Il giornalista dell'agenzia XXX presenterà per iscritto le domande che saranno fatte all'intervistato durante l'intervista. L'intervista avverrà solo dopo che entrambi i contraenti avranno approvato tali domande.

Le risposte date dall'intervistato dovranno essere pubblicate senza alterazioni. Le immagini allegate all'intervista dovranno essere neutrali e dirette solo allo spiegare i fatti trattati durante l'intervista.

Se il giornalista non acconsente a queste condizioni non ci sarà intervista. Le condizioni devono essere firmate dal giornalista e devono essere incluse nell'intervista. Se ci saranno parti dell'intervista riportate fuori dal contesto l'intervistato farà causa all'agenzia. Questo accordo scritto deve essere confermato da un avvocato nominato dall'individuo o da un avvocato super partes.

Sicuramente le domande saranno poste in modo da innervosire l'intervistato e causare risposte istintive, che poi saranno citate fuori dal contesto.

Ogni anno vedo decine di conservatori che si fidano della buona fede dei giornalisti e finiscono col fare la figura dei bigotti imbecilli. Ci sono troppe persone che mettono la firma sulla condanna a morte della loro stessa immagine! Imparate chi sono i vostri nemici e batteteli al loro stesso gioco!


Fonti:

1. http://www.document.no/2009/05/intet_nytt_blant_norske_journa.html




1 commento :

  1. Dio bestia cane di gesù, hai dannatamente ragione madonna facinorosa

    RispondiElimina

Ma che cazzo vuoi? Chi sono secondo te, quel porco di cristo?