Emigrante

Per i post relativi all'immigrazione in UK pregasi cliccare "Inghilterra" nell'indice a destra, piccoli bambini speciali!

giovedì 29 dicembre 2016

Life in modern England part 18 - Le sfumature della lingua inglese

Cari mongolucci con problemi cranici, oggi parleremo delle sfumature della lingua inglese, ossia di alcune frasi oblique e apparentemente prive di senso usate dai sudditi di Sua Maestà la Regina! Ovviamente, queste cose valgono solo per quei pochi che hanno a che fare con nobili purosangue inglesi. Voialtri pezzenti del cazzo avrete a che fare solo con musulpaki, polacchi ubriachi marci e chav semianalfabeti.

Come forse saprete, i britannici hanno un senso dello humor, raffinato, intelligente ed elegante.
Tipico esempio di humour inglese

Ah, no, scusate. Meglio se cambio argomento.

Insomma, i britannici ritengono il dire le cose come stanno una cosa rude e volgare, degna soltanto dei barbari oltremanica. I british amano fare giri di parole, allusioni, "battute umoristiche" e atti di raffinatezza linguistica che a volte risultano difficili da capire per un non nativo.

Ma non preoccupatevi! Grazie al Rettiliano Verace, avrete un breve dizionario delle frasi inglesi più comuni, con significato annesso! Ora potete dialogare con l'alta società inglese!


Tipico aristocratico inglese

































Cosa dice il britannico
Cosa intende dire davvero il britannico




There was a breakdown in communication Quel coglione non ha capito un cazzo. E' peggio che parlare a muro.
I wish to meet you for a performance review Inizia a mandare curriculum, domani ti licenzio
I hear what you say Non è così, punto e basta. Non ne parlare più che mi sono seriamente rotto i coglioni.
With the greatest respect Secondo me ti droghi, e pure di brutto
That's not bad Va bene, continua così che sei a posto
That's a very brave proposal Porcodio, sei un coglione completo. Non farlo o ti mando a pulire i cessi con la lingua.
Quite good Mah, lo faceva meglio mio nipote di dodici anni. Ce la fai a farlo meglio, cazzodio?
I would suggest that Fai come ti dico o sono cazzi tuoi. Sul serio.
By the way OK, basta con le stronzatine e arriviamo al punto. Apri le orecchie che ti devo dire una cosa importante.
I was a bit disappointed Non potevi fare o dire una stronzata peggiore neanche volendo. Ma ti fai di crack?
Very interesting Vedi sopra
I will bear it in mind Vedi sopra
I am sure it is my fault E' colpa tua, coglionazzo, ma non posso ancora darti i calci in culo che meriti. Tranquillo, arriveranno.
You must come for dinner Preferirei invitare cento negri pedofili a casa mia piuttosto che invitare te.
Pop round anytime Vedi sopra.
I almost agree Vedi "I was a bit disappointed"
I only have a few minor comments Butta via quel cagaio che hai fatto e rifallo da capo. Possibilmente senza drogarti prima.
Could we consider some other options? Vedi "I was a bit disappointed", ma peggio.
That's one way of looking at it. Madonna stuprata, che stronzata!
If you say so. Questo è il massimo dell'idiozia. Anche Mr. Bean si vergognerebbe di dire una stronzata simile.
Each to their own Sei un coglione, e non voglio perdere tempo a discutere con te.
Do that whenever you get a minute Fallo ora o ti rompo il culo.
No harm done Cazzo, ti rendi conto di quanti danni hai fatto? MA SEI RINCOGLIONITO TOTALE?
I am sure it will be fine. Siamo nella merda, e stai certo che le cose andranno molto peggio.
I won't argue with you. Ho provato a farti ragionare, ed è stato come insegnare la matematica ad un sasso. Lasciamo perdere e non ne parliamo più.

martedì 27 dicembre 2016

Porco ateo!

Il porco ateo torna a farci visita! Tranquilli, niente watermarks o altre cosette patetiche. Copiate pure per i vostri merdosissimi gruppettini FB pieni di tredicenni, mi raccomando! E dite di avere trovato e tradotto le vignette voi, non voglio i branchi di tredicenni rincoglioniti e arrapati sul mio blog.


ATTENZIONE - SERVIZIO INFORMAZIONI PER I PICCOLI BIMBIMONGHI CON TANTI CROMOSOMI E PER GLI  ISCRITTI AL CINQUE STALLE!  - SE IL TESTO NON SI LEGGE BASTA CLICCARE SULLA VIGNETTINA PER INGRANDIRLA -














2083 - Una dichiarazione di indipendenza europea - Libro 2.42 - Il processo di islamizzazione nei paesi europei

2.42 Il processo di islamizzazione nei paesi europei



Premessa

La presa di potere da parte dei musulmani in un paese dipende dalla percentuale di musulmani e dall'influenza dei musulmani militanti sul resto della popolazione musulmana. La crescita della percentuale di musulmani o del numero di militanti (anche nei posti dove i musulmani sono una minoranza) porta la politica della nazione verso un percorso stabilito. Ci potrebbe anche essere un processo di assimilazione culturale, ma finora non è mai successo.

Serve una teoria che descriva e spieghi i cambiamenti delle politiche in un paese al crescere della minoranza musulmana o dell'influenza dei militanti, sempre che il paese non si opponga all'islamizzazione. Esiste una versione preliminare di tale teoria, e verrà presentata nell'articolo. Seguendo questa toria, verrà formulata un modello di politica volta a fermare e a evitare questo processo. Più avanti si forniscono i contenuti per questo modello e si descrive una politica rivolta alla preservazione dei diritti tradizionali in un paese europeo.

La nostra speranza è che questa proposta politica venga discussa a fondo dai diretti interessati. I risultati di questa discussione faranno parte delle politiche che saranno adattate nei prossimi decenni allo scopo di preservare le libertà sociali.

Il processo di islamizzazione e le sue fasi

Il processo di islamizzazione sembra seguire un percorso composto da otto fasi, che descriveremo brevemente. Qui si postula che al crescere della minoranza di musulmani, i fanatici guadagnino sempre più influenza sul paese. La dottrina tradizionale islamica, riconosciuta da tutte le quattro scuole islamiche, sembra dare sostegno all'interpretazione dei fanatici estremisti. Questa è la ragione più probabile per il silenzio e la passività dei cosiddetti “musulmani moderati” che non posseggono le conoscenze teoriche per comprendere ciò che sta avvenendo. Probabilmente molti dei “moderati” sono d'accordo con gli obiettivi dei militanti, ma non ne approvano i metodi. Inoltre, è probabile che molti “moderati” abbiano semplicemente paura di esprimere le loro opinioni, dato che i fanatici godono del supporto logistico e finanziario proveniente dall'estero.

Si può fare una prognosi sulla base delle nostre conoscenze empiriche, sugli avvenimenti politici nei paesi islamici e sull'atteggiamento dei musulmani in Europa, soprattutto durante i primi cinque anni della guerra al terrorismo. Nei prossimi decenni vedremo questi cambiamenti verificarsi di fronte ai nostri stessi occhi.



a. Il punto di partenza è una società occidentale sviluppata. Vi sono pace sociale, crescita economica, livelli di crimine sopportabili e i cambiamenti nel governo dipendono dalle elezioni e dai referendum. Il numero di musulmani è scarso, la loro influenza nulla.

Esempi: Finlandia, stati baltici.



b. Nella fase iniziale il numero di musulmani è ancora molto basso, quindi le autorità tendono a ignorare le comunità musulmane. Ciò permette ai musulmani di opprimere le loro donne e le loro bambine. I comportamenti sbagliati vengono puniti con delitti d'onore camuffati da incidenti. Le comunità musulmane incoraggiano l'immigrazione dai loro paesi e adottano famiglie numerose con molti figli.


Le comunità chiedono la Shariah e il riconoscimento dei giorni di festa musulmani. Un'altra caratteristica è l'incremento del crimine diretto verso gli infedeli, ad esempio gli stupri di gruppo contro le donne non musulmane. 

Ad esempio, il tasso di violenze carnali causato dagli uomini musulmani in Norvegia contro le donne non musulmane è molto più alto di quello degli uomini non musulmani. Ad Oslo il tasso di violenze carnali è cinque volte quello di New York con due terzi delle violenze perpetrate dagli immigranti nonostante siano un numero ancora ridotto. Ciò non riflette solo la visione malata della sessualità della società musulmana, ma è anche una versione “ridotta” del modo di agire musulmano. 

Esempi: USA, Svezia, Norvegia, Danimarca.




c. Preparazione per la Jihad: si formano zone di controllo dove la polizia e l'amministrazione pubblica non hanno il controllo del territorio. Avvengono attacchi fisici verso poliziotti e persone opposte all'Islam. Le minacce di morte contro gli oppositori sono la norma. Ci sono atti di vandalismo e distruzione di proprietà da parte di bande influenzate dagli imam locali.


Le comunità musulmane chiedono con forza la Shariah, e vi sono corti “private” dove le dispute legali vengono risolte tramite la legge islamica. Aumento dei reati ai danni del patrimonio allo scopo del finanziamento di un movimento jihadista locale.

Esempi: UK , Paesi Bassi, Svezia (Malmø).



d. Inizio della Jihad: Omicidi di poliziotti e di oppositori, con un messaggio politico evidente. Apparizione di un movimento nazionale islamico organizzato. Le moschee iniziano a ritrattare la versione liberale dell'Islam che era stata diffusa durante gli stadi iniziali. Formazione di zone di controllo nelle quali i militanti chiedono la “protezione” ai residenti. Atti di estorsione anche al di fuori di queste aree.


Uso frequente di tribunali islamici come sostituto per i tribunali ordinari. I gruppi di non musulmani iniziano a organizzarsi in milizie. I partiti nazionalisti prendono il potere e guadagnano influenza. I cittadini non musulmani iniziano ad emigrare in maniera significativa.

Esempi: Francia.



e. Crescita della Jihad. Omicidi frequenti di poliziotti e di oppositori. Violenze tra gruppi di islamici e forze dell'ordine, con conflitti a fuoco occasionali. I militanti iniziano a portare apertamente le armi e a dichiarare i loro obiettivi di conquista. La versione occidentalizzata e liberale dell'Islam sparisce del tutto, dato che ormai gli islamici non hanno più bisogno di nascondersi. I militanti iniziano a fare pressione sulle moschee che predicano l'Islam moderato.


Le milizie di non musulmani prendono forza e iniziano a combattere. Si forma una separazione fisica tra i gruppi religiosi. Il livello di emigrazione diventa un problema nazionale. I partiti moderati vengono soppiantati da partiti nazionalisti estremisti.

Esempi: Thailandia



f. Jihad: Insurrezione. Lo stato usa i militari contro i gruppi di islamici. Viene formata una Guardia Nazionale per impedire la formazione di milizie private e per proteggere i cittadini. I movimenti islamici pretendono il diritto di dominare le aree a maggioranza musulmana. Ci sono continui rapimenti e omicidi a danni degli oppositori e dei rappresentanti dei gruppi avversari. I giovani di fede musulmana vengono reclutati a forza per combattere la Jihad. I cittadini delle zone musulmane pagano le tasse ai gruppi islamici e non allo stato. Alcuni gruppi islamici prendono le parti del governo, altri si mantengono neutrali.


Esempi: Le Filippine



g. Guerra civile. Combattimenti su vasta scala tra i militari e i militanti islamici. Le milizie e la Guardia Nazionale combattono fianco a fianco con l'esercito regolare. Atti di terrorismo, devastazione e omicidi di massa nelle aree urbane. Separazione netta tra aree musulmane e aree nn musulmane.


I paesi vicini sono coinvolti nello scontro e offrono assistenza militare. Viene richiesto l'intervento della NATO.

Esempi: Il Libano tra gli anni '70 e '80




Vittoria per le forze europee (A) o per l'Islam (B)


(A) Uno dei risultati possibili è la vittoria per la popolazione autoctona e la cacciata dell'Islam tradizionale, con deportazioni ed emigrazione di massa da parte dei musulmani.

(B) Una vittoria per gli islamici permetterà l'instaurazione di un governo islamico. L'Islam tradizionale sostituisce le versioni “moderate” e occidentalizzate dell'Islam, anche perché non hanno alcuna base teorica o dottrinale.

Verranno approvate delle espropriazioni su vasta scala, la riduzione in schiavitù delle donne locali, lo sterminio degli infedeli e dei musulmani moderati che proveranno a proteggerli. Ci saranno massacri delle minoranze, ad esempio degli omosessuali. Verrà stabilita una dittatura musulmana senza democrazia, simile alle dittature religiose del Medio Oriente.

Le leggi della Shariah saranno le basi per la nuova costituzione. Le vite dei cristiani e degli ebrei saranno poste sotto la legge della dhimmitude. Il resto della popolazione sarà eliminato a poco a poco. Il PIL calerà fino a metà del valore originale, con una crescita economica insignificante.


Discussione preliminare sulle varie fasi

Se i governi europei non proteggeranno i loro cittadini ci troveremo davanti a decenni di conflitti con i militanti islamici. E' probabile che le fasi 2 e 3 dureranno a lungo, specialmente nei paesi che partono da una condizione di buone tradizioni democratiche, buon sistema educativo e popolazione etnicamente omogenea. Per molti anni l'Islam politico militante si diffonderà tramite mezzi non violenti, ad esempio secondo i metodi della Muslim Brotherhood. Si può contrastare la crescita dell'Islam tramite leggi e politiche, che saranno accettate a seconda di quanto la situazione sia vicina alla violenza aperta. I creduloni di sinistra e gli anti occidentali potrebbero anche decidere di ricorrere alla violenza pur di non fermare l'escalation verso la guerra civile. Presto o tardi, sempre che i governi non decidano di fare il loro lavoro e di proteggere i cittadini, il popolo inizierà a votare verso i partiti nazionalisti, nella speranza che siano meno deboli dei partiti tradizionali e che impediscano ai militanti islamici di dominare il paese.

Il problema non è quando si arriverà ai punti 2 e 4, ma quando. Ci sarà una reazione tempestiva, oppure si dovrà aspettare la perdita di tante vite umane, tempo e risorse prima che i politici agiscano?

Le politiche proposte fermeranno l'aumento dell'influenza dell'Islam militante, e forse anche la guerra civile. Ciò porterà i musulmani ad integrarsi con la società occidentale e a resistere all'Islam politico e militante. Se, invece, i musulmani divenissero la maggioranza, allora prenderebbero atto del loro potere e inizierebbero a togliere i diritti ai non musulmani. A questo punto la popolazione originaria inizierebbe a combattere per difendere i suoi valori e la sua libertà, arrivando a una guerra civile. Il problema è che il governo sarebbe a favore dell'Islam, con conseguente paralisi dell'esercito. Secondo le regole del Dhimmi, gli infedeli non avrebbero il diritto di portare armi o di servire nelle forze armate, quindi i combattimenti sarebbero solo tra milizie di civili.

E' improbabile che l'instaurazione della Dhimmi insieme alla fuga dei nativi possa avvenire in maniera pacifica. Ci sarà una guerra civile, con i musulmani e gli infedeli nei paesi vicini che interverranno a favore delle fazioni locali.

Fonti:

http://www.islam-watch.org/NoSharia/PreventEuropeIslamization1.htm


domenica 25 dicembre 2016

Post natalizio

Per celebrare il Natale, pubblico un disclaimer relativo a questo sito. Mi raccomando, amici miei, per festeggiare ubriacatevi come veneti e ingozzatevi di maiale arrosto. Fatelo prima che diventi illegale.






sabato 24 dicembre 2016

2083 Una dichiarazione di indipendenza europea - Libro 2.41 Le varie forme della Jihad

2.41 Le varie forme della Jihad


Gli islamici non potrebbero vincere una guerra vera e propria contro l'Europa, ma hanno il dovere religioso di condurre la Jihad in un modo o in un altro. Ci sono tecniche di guerriglia che sono più pratiche di una semplice aggressione armata, e molte di queste tecniche stanno venendo usate contro l'Europa.

Come sappiamo, Jihad significa “sforzo”. Il dovere di ogni musulmano è quello di contribuire allo sforzo in un modo o in un altro.


Jihad Politica/Democratica/Apologetica (Guerriglia psicologica)

Migliaia di musulmani sono attivi dovunque si discuta pubblicamente (che si tratti di Facebook, forum o dibattiti pubblici). Il loro obiettivo primario è quello di screditare, scoraggiare e fare tacere tutti quelli che criticano l'Islam e la Jihad demografica.


Obiettivi:

1. Annullare la libertà di parola in Europa e sostituirla con una serie di leggi contro l'incitazione all'odio e al razzismo.

2. Usare individui carismatici capaci di promuovere e difendere l'Islam con le loro parole.

3. Discutere con gli europei in dialoghi, discussioni e incontri pubblici nei college, nelle università e nei media allo scopo di proclamare le virtù dell'Islam. Affermare che l'Islam è un'altra religione monoteistica e storicamente pacifista alla pari del giudaismo e del cristianesimo.

4. Eleggere uomini politici filoislamici, allo scopo di fare approvare leggi favorevoli all'Islam e di sostenere i simpatizzanti tramite blocchi compatti di votanti.

5. Prendere il controllo dei media e di Internet comprando azioni delle compagnie mediatiche.

6. Finanziare le istituzioni scolastiche europee, allo scopo di poter manipolare i programmi ministeriali.

7. Diffondere la paura della fine imminente del petrolio. L'economia occidentale dipende largamente dal petrolio del Medio Oriente.

8. Accusare i critici dell'Islam di razzismo, sionismo e di avere un'idea inappropriata del Corano. Applicare la al-Taqiyya

9. Incoraggiare l'elezione di parlamentari di fede musulmana, specialmente quelli in grado di dare un'immagine pacifica ed edificante dell'Islam. Fare assumere musulmani nei consigli scolastici. Incoraggiare i musulmani a fare carriera in medicina, in modo da controllare la sanità pubblica. Fondare ristoranti mediorientali in tutta Europa, in modo da fornire una rete di simpatizzanti pervasiva ma discreta.

10. Finanziare scuole e università europee, in modo da creare centri di cultura islamica diretti da persone di fede musulmana. Tali centri promuoveranno l'Islam nelle scuole e università.

11. Affermare che i terroristi sono semplici delinquenti che abusano il nome dell'Islam, quando in realtà è l'Islam a controllare i terroristi.

12. Fare appello alla compassione e alla sensibilità degli occidentali in modo da avere tolleranza verso i musulmani, specialmente verso gli immigranti in fuga da paesi dittatoriali.

13. Organizzare rivolte e manifestazioni nelle carceri, chiedendo l'applicazione della Shariah e non della giustizia locale.

14. Unificare i vari gruppi musulmani in Europa tramite convenzioni e riunioni annuali, in modo da decidere in comune le strategie per diffondere la fede e manipolare i media.

15. Fare apparire i musulmani come dei cittadini leali all'Europa, citando il fatto che tra tutti i gruppi etnici di minoranza i musulmani sono quelli che votano di più.

16. Fare la parte della “povera vittima oppressa”, come succede in Palestina e come è successo in Kosovo. Entrambe le strategie puntano ad ottenere la simpatia delle organizzazioni umanitarie, dei media e dei politici occidentali.



Jihad Demografica (Guerriglia demografica)

Cosa è la guerriglia demografica? Il parere dei professionisti è illuminante:


Houari Boumedienne, despota Algerino fino alla sua morte nel 1978, ha dichiarato durante un discorso alle Nazioni Unite del 1974:

Un giorno, milioni di uomini lasceranno l'emisfero meridionale per emigrare nell'emisfero settentrionale. Non emigreranno come amici, ma come conquistatori. Saranno i loro figli a conquistare il mondo. I ventri delle nostre donne ci daranno la vittoria.”


Il despota libico Mu'ammar Al-Qadhafi diceva nel Marzo 2007:

Ci sono segni che Allah darà la vittoria all'Islam in Europa, ma senza armi e senza guerre. Non ci servono terroristi o attentatori suicidi. I cinquanta milioni di musulmani in Europa la trasformeranno in un continente musulmano in pochi decenni.


La loro tattica è quella di riprodursi fino ad occupare tutto lo spazio, tattica verso cui l'Occidente è tremendamente vulnerabile. La guerriglia demografica collima con i principi della democrazia ed è sempre stata molto efficace quando affiancata dalle altre forme di Jihad.

Il Corano e le Hadith proibiscono l'uso dei contraccettivi. Inoltre, la Shariah proibisce il matrimonio con non musulmani, a meno che l'infedele non si converta.

I mezzi per accellerare la crescita demografica islamica sono:

1. Immigrazione di massa. Ci sono 25 milioni di musulmani in Europa, mentre nel 1955 erano solo 50.000. I musulmani non usano contraccettivi e i figli dei musulmani sono automaticamente musulmani che non possono convertirsi pena la morte.

2. Gli uomini musulmani tendono a sposare donne europee e a islamizzarle (circa 30.000 casi all'anno in Europa).

Di solito il matrimonio tra un maschio musulmano e una donna di religione cristiana o ebraica è accettabile. Dopo il matrimonio il maschio farà in modo da convertire la moglie all'Islam, soprattutto riguardo all'educazione dei figli, che avranno nomi musulmani. Di solito il marito non si fa problemi nell'usare la violenza a tale scopo. Se la moglie non accetta il trattamento, viene ripudiata.

3. Segregazione tramite ghetti in cui vivono solo musulmani. Ciò assicura che non ci siano influenze negative da parte degli infedeli.


Jihad Economica (Guerriglia economica)

La guerriglia economica deriva dalla “Jizya”, ossia il furto e lo sfruttamento degli infedeli. A tale scopo si possono usare furto, pirateria, tratta degli schiavi, sfruttamento della prostituzione, traffico di droga e altro. Il fattore in comune è che il crimine è diretto verso gli infedeli, e che i proventi vanno a finanziare altre forme di Jihad.

La maggioranza dei criminali che eseguono queste attività non sono neanche musulmani praticanti, ma hanno ricevuto istruzioni da parte dei musulmani su come prendere di mira SOLO infedeli. Queste attività illecite vanno dai furtarelli e rapine contro gli infedeli, alla pirateria al largo della Somalia.

Altri obiettivi:

1. Prendere il controllo dei media, tramite l'acquisto di quote di maggioranza di azioni delle compagnie mediatiche.

2. Aprire numerose “associazioni caritatevoli” in tutta Europa, come attività di copertura per il terrorismo islamico.


Jihad psicologica

11 Settembre, gli attacchi a Londra del 7 Luglio, gli attacchi di Madrid o Mumbai, hanno tutti lo stesso scopo: danneggiare il morale del nemico e invogliare al reclutamento per la Jihad. Intimidire i critici dell'Islam e portarli al silenzio. Terrorizzare gli europei tramite il timore continuo di attacchi.


Jihad armata

Le campagne militari jihadiste avvengono tramite i finanziamenti offerti da gruppi e leader musulmani. Il loro obiettivo primario è lo sterminio degli infedeli tramite genocidi e deportazioni.

Un esempio di questo tipo di Jihad è la guerra in Sudan, dove mezzo milione di non musulmani sono stati massacrati in pochi decenni tramite i finanziamenti dei Sauditi e di altri gruppi musulmani.

Altri casi sono gli stermini dei non musulmani in Pakistan, Iraq, Giordania, Siria, Nord Africa. In questi casi i non musulmani sono stati sterminati tramite atti di violenza e deportazioni.



Jihad tramite la Dawah (conversione)

Questo tipo di Jihad varia dagli incontri nei centri culturali islamici fino alle campagne di reclutamento forzato dirette ai prigionieri di origine africana nei carceri.


1. Convertire prigionieri violenti e senza obiettivi nella vita, sia africani che europei, trasformandoli in miliziani.

2. Le istituzioni scolastiche islamiche insegnano il razzismo verso ebrei e cristiani insieme alle materie scolastiche. In tutta Europa ci sono 300 scuole esclusivamente islamiche, dove si insegna la lealtà verso la Ummah e non verso la nazione. Durante il Gennaio 2002, l'ambasciata saudita di Washington ha recapitato 4500 pacchetti contenenti copie del Corano e video filo islamici verso le scuole medie locali. Una cosa simile non sarebbe mai possibile in Arabia Saudita.

3. Creare interesse nell'Islam a scuola, insistendo che ogni studente debba seguire almeno un corso sull'Islam.



Jihad chimica

I Talebani usano l'eroina come mezzo di guerra chimica contro l'occidente, ma non sono gli unici a farlo. La maggioranza degli spacciatori di fede musulmana in Europa spaccia solo agli infedeli, seguendo gli ordini degli imam locali.

Molti musulmani usano l'eroina come mezzo per assicurarsi la sottomissione delle ragazze occidentali usate come prostitute. La loro tattica preferita è lo stupro di gruppo seguito dalla somministrazione forzata di droghe pesanti, come successo durante gli stupri di Rotherham.


Fonte

http://atlasshrugs2000.typepad.com/atlas_shrugs/2009/02/chemical-jihad-muslim-terror-gangs-target-uk-with-killer-heroin.html




L'antiterrorismo avverte che ci sono piani per riempire le strade inglesi di eroina in modo da perpetrare la “guerriglia chimica” contro lo stato inglese. Le bande di musulmani sono il mezzo con cui avviene questo tipo di attacco. I generali talebani in Pakistan e in Afghanistan hanno una riserva di eroina del valore di sei milioni di euro, e il loro obiettivo è quello di venderla solo agli infedeli. Lo scopo di questi attacchi è diffondere morte e sofferenze tra gli europei, mentre i profitti dello spaccio serviranno a finanziare gli attacchi terroristici. I campi di papaveri da oppio in Afghanistan sono l'introito più grosso per al-Qaeda e per i Talebani. Intanto, il traffico di eroina in Europa si sta ingrandendo sempre di più, finanziando i terroristi.

Tra il 1990 e il 2005 Haji Baz Mohammed, spacciatore al soldo dei Talebani, ha incassato diciassette miliardi di euro vendendo eroina in Nord America. Durante il processo, Haji ha dichiarato che vendere eroina era un atto di Jihad, dato che stava prendendo i soldi degli americani vendendogli veleno che li avrebbe uccisi. Adesso i fanatici hanno deciso di rivolgersi verso il Regno Unito, verso cui si trafficano 30 tonnellate di eroina ogni anno. L'eroina viene spacciata tramite i tassisti e i venditori di kebap. Sono state trovate bande di spacciatori musulmani a Londra, Luton, Preston, Manchester, Leeds, Oldham, Birmingham e Bradford.

Un investigatore sotto copertura ha comprato eroina a Luton tramite un tassista musulmano che affermava di vendere droga di provenienza pakistana e afghana solo agli infedeli, come ordinatogli dai suoi superiori. Una delle bande più importanti si fa chiamare la famiglia Gambino, prendendo il nome dalla vecchia famiglia mafiosa italoamericana. Secondo un pentito, i Gambino sono i musulmani del Pakistan che hanno il controllo del traffico a Luton, e sono tutti intimamente collegati con al-Qaeda.


Qui si vendono eroina e crack 24 ore al giorno, tramite i tassisti locali. Sono un business enorme, e sono intoccabili.”


Fonti:

http://doctorbulldog.wordpress.com/2009/02/23/taliban-using-heroin-as-chemical-jihad-weapon-against-the-west/


giovedì 24 novembre 2016

Terroni e musulmani - A case study Parte 2

Cari terroni sunniti


Dato il grande successo del mio articolo su terroni e musulmani, ho deciso di ampliarlo aggiungendo tanti altri paralleli tra tali due etnie puzzolenti di fogna. Buona lettura.


Matrimonio riparatore


Nella "cultura" islamica c'è una legge particolare: l'uomo che ha stuprato o sfregiato una donna può evitare ogni punizione per il suo comportamento, se accetta di sposare la vittima. Tale legge è meno barbarica di quello che si pensi: a quei tempi una donna stuprata o sfregiata non avrebbe mai potuto sposarsi, e sarebbe stata condannata a morire di fame per strada. Sposandosi il pazzo stupratore/sfregiatore avrebbe avuto quantomeno da mangiare. E poi, non è che gli altri uomini della sua tribù fossero tanto meglio!

Come tutte le leggi religiose, tale legge è da considerarsi progressista se la poniamo in un villaggio di caprai bestiali del Basso Medioevo (oppure nella Calabria Saudita o Siculia di oggi). In un ambiente moderno tale legge è una bestialità immonda.

La promessa sposa che si prepara al matrimonio

Tale legge aveva il nome di "matrimonio riparatore", ed era parecchio praticata in Siculia fino a pochissimo tempo fa. Fino alla generazione scorsa un terrone poteva rapirsi una ragazza minorenne, stuprarsela, andare a fare pace col padre ed uscirsene pulito, incensurato e con una mogliettina minorenne pronta all'uso!


Tale legge è stata abrogata solo nel 1981, anche se in alcune zone della terronia continua ad essere applicata informalmente ancora oggi. L'Italia è stata alla pari col Pakistan fino al 1981, solo 35 anni fa. Ci vorranno almeno due generazioni prima che gli effetti di tale pratica spariscano.

Intanto, il turco progressista Erdogan ha provato a ripristinare tale legge, estendendola alle minorenni (come se i musulmani avessero bisogno di incoraggiamenti per stuprarsi le bambine)




Per fortuna, la proposta di legge è stata respinta dopo l'ondata di disgusto locale e internazionale. Evidentemente da questo punto di vista i musulmani sono più civili dei terroni, anche se di poco.



Matrimonio tra cugini


Non voglio fare la figura del razzista. Non voglio dire che il matrimonio tra cugini sia un'usanza terrona e musulmana. Non lo voglio dire.

Percentuale di matrimoni tra cugini nei vari paesi

OK, sono costretto ad ammetterlo. Il matrimonio tra cugini è una tipica usanza delle due "culture". In entrambi i casi viene praticato per motivi di famigghia: sposandosi tra cugini, non si fanno entrare persone nuove in famigghia (che ne sappiamo di loro? Chissà da dove vengono, a chi appartengono, che razza di idee hanno?) e si tengono i figli sotto controllo, che non si facciano venire strane idee in testa!

Inoltre, i musulmani hanno una usanza particolare, ossia il cosiddetto "accompagnatore". Quando una ragazza musulmana deve uscire, deve essere sempre accompagnata da un membro della famiglia per evitare che si "imbottanisca", ossia che venga stuprata da un branco di altri musulmani o che inizi a frequentare infedeli. In generale, le ragazze vengono accompagnate da un cugino di primo grado, l'unico musulmano maschio, giovane e quasi decente che vedranno in vita loro. Allo stesso modo, il giovane musulmano non potrà avvicinare altre giovani musulmane per tutta la sua giovinezza, dato che sono tenute sotto stretta sorveglianza dai rispettivi cugini. Il risultato è, spesso, un matrimonio che finisce col generare una quantità enorme di bambini sofferenti di difetti genetici tali da renderli buoni solo per il freakshow o per l'integralismo islamico:


Musulmani in UK. No comment

Suscettibilità


Il modo migliore per giudicare la maturità di una persona è vedere come reagisce a una critica motivata ed espressa in modo cortese. Facciamo un esempio:

Conversazione tra due persone adulte


Amico mio, scusa ma ieri sera hai lasciato la postazione come un porcile e ho dovuto ripulire tutto io.  Ce la fai a sistemare la postazione prima di andartene? 





Oh, scusa! E' capitato, ho avuto da fare a casa e sono andato via di corsa. Tranquillo, sistemo tutto io.






E vabbè, fossero questi i problemi!









Ora , riproviamo la stessa conversazione con un terrone/ musulmano.

Amico mio, scusa ma ieri sera hai lasciato la postazione come un porcile e ho dovuto ripulire tutto io.  Ce la fai a sistemare la postazione prima di andartene? 





Come ti permetti di venire da me e dirmi quello che devo fare? Sempre che mi critichi! C'è l'hanno sempre tutti con me! E' solo perche siete tutti RAZZISTI RAZZISTI RAZZISTI ISLAMOFOBI!!! Io piango! MAMMMA! VOGLIO IL CIUCCETTO! Nghèèèèèèèèèèèèèèèèèè!






Il senso dell'orgoglio, unito a una mentalità fragilissima e suscettibilissima, rendono il terronmusulmano una persona con cui è difficilissimo avere a che fare. Qualunque cosa dirai sarà presa come un'offesa o un attacco personale, da affrontare immediatamente per poi vantarsene con i propri compari. Mai fare battute, mai essere ironici e soprattutto mai cercare di spiegare a uno di questi dove ha sbagliato e come non rifare lo stesso errore: il terronmusulmano vede questi discorsi come attacchi personali, e la sua unica risposta sarà un "fatti i cazzi tuoi", se non una serie di insulti e di attacchi gratuiti.

Facciamo un altro esempio:

Link a DM

Una deputata inglese ha cercato di spiegare come i matrimoni tra cugini siano una cosa sbagliata, e come sia ingiusto che i bambini debbano soffrire per via di una pratica tribale che ha poco a che fare con l'Islam. Un islamico adulto avrebbe risposto che si tratta di un problema, e che bisogna educare a poco a poco la popolazione a rinunciare a questa pratica, per quanto radicata.
Invece, cosa hanno risposto i musulmani inglesi? Indovinate? Un coro di "RAZZISTA RAZZISTA ISLAMOFOBA" e frasi tipo "io sono sposato con mia cugina! Mi vuoi offendere?" oppure "Mio fratello è sposato con sua cugina e i suoi figli sono tutti normali!"

In generale, quando avete a che fare col terronmusulmano, ricordate che si tratta di una creaturina debole e fragilissima nel corpo di un adulto. Non trattatelo da adulto perchè non lo è. In ogni caso, non sforzatevi di "non offendere" i musulmani, perchè loro sono perennemente in uno stato alterato. Se si offendono, è colpa loro e non vostra.

Orgoglio smodato

Verità è!

Il terrone ha l'orgoglio tipico di chi è umanamente, socialmente e culturalmente miserabile, l'orgoglio immotivato che gli permette di guardarsi allo specchio e di sentirsi un grande uomo, quando dovrebbe vergognarsi anche ad uscire di casa.

“I siciliani non vorranno mai migliorare per la semplice ragione che credono di essere perfetti; la loro vanità è più forte della loro miseria.” - Tomasi di Lampedusa.



Allo stesso modo, il musulmano è convinto di essere l'unica persona decente del mondo, e che tutti gli altri debbano solo invidiarlo. Ovviamente, menzionare uno solo dei suoi tantissimi difetti lo porterà alla crisi isterica e all'accusa di "islamofobia". E' da notare che tale orgoglio si applica solo ai membri della sua famiglia o clan: i musulmani non hanno concetti come nazione o comunità, quindi disprezzano ferocemente gli altri musulmani. D'altronde, tutta la storia dell'Islam è piena di massacri tra arabi e turchi, sunniti e sciiti, integralisti e liberali, e tra le migliaia di scuole e di sottoscuole con la loro interpretazione della loro religione cammellofila. In generale, i musulmani smettono di ammazzarsi tra loro solo quando ci sono degli infedeli da ammazzare, ma riprendono subito dopo.


Tare genetiche


Immaginatevi un posto chiuso, dove vengono allevati dei cani. Periodicamente, tutti i cani più forti e intelligenti vengono portati via, e i cani peggiori vengono incoraggiati a riprodursi. Continuiamo questo processo per varie generazioni, mandando via tutti i cani appena decenti. Cosa otterremo dopo un pò?



Mostri storpi e deformi, ma convinti di essere il meglio della loro razza. Questo è quello che succede nei posti da cui la gente emigra. Tutti quelli con palle, capacità e cervello se ne vanno. Restano solo quelli ricchi di famiglia (ma molti di loro vanno via lo stesso), incapaci raccomandati, deficienti, drogati, analfabeti e psicolabili. Crescere in un ambiente simile è una tortura continua, dato che si ha a che fare solo col peggio dell'umanità e che non si può fare assolutamente niente dato che tutti quelli che potevano aiutare a cambiare le cose se ne sono andati. Anni fa ho cercato i miei compagni di scuola: quelli che non se ne sono andati sono finiti tutti male: morti, carcerati, drogati, manicomiati o peggio. Un paese di emigranti è un tritacarne che distrugge tutti quelli che ci nascono, e anche quelli che ne sono usciti ne portano le cicatrici a vita.

Posso testimoniare personalmente lo stato della terronia, e per quel poco che so i paesi islamici non sono per nulla differenti. Anche in questo campo si va in parità.

Il Dio Tutti


Per terroni e musulmani l'unica vera divinità è il dio Tutti, la cui nomina giustifica qualunque comportamento. Chiedi al terronmusulmano perchè sta facendo una cazzata pazzesca o una bestialità degna di Totò Riina, e lui risponderà: "Ma lo fanno tutti!" Questo chiude il discorso. Quando una cosa viene giustificata da Tutti, allora va bene, per quanto sia illogica, malvagia e immorale.

Allo stesso modo, ribellarsi al volere di Tutti è un'atto inaccettabile. Chi prova a fare qualcosa in modo diverso dalla massa si sentirà dire: "Ma che, ti credi di essere più sveglio di tutti?" Inutile dire che questo è un avvertimento. Come osi fare o dire cose diverse? Credi di essere meglio del nostro Dio?

Il modo migliore per fare incazzare il terronmusulmano è dirgli "OK, chi sono questi Tutti di cui parli? Hai i nomi?" A questo punto il terronmusulmano si incazzerà come una belva (hai osato discutere i dettami del Dio!) e inizierà a balbettare in modo pietoso dicendo cose tipo "lo sai di che parlo", "è la morale, quella giusta" o "tutti, punto e basta!" Di solito il dio Tutti è semplicemente il paravento per non dire di averlo letto su Facebook, visto su Studio Aperto o sentito nelle riunioni della Famigghia (un aspetto molto importante del dio Tutti) 

La Sacra FAMIGGHIA



L'ultimo aspetto della cultura musulnegra (anche perchè mi sono nauseato) è la FAMIGGHIAAAAAA! Per quei due popoli, la famiglia è un'entità importantissima. In un posto dove lo Stato è debolissimo e la legge non esiste, la famiglia è l'unica entità a cui puoi andare a chiedere aiuto se hai problemi o se devi difenderti, dato che se aspetti lo Stato puoi fare la muffa. A tale scopo, i membri della famiglia si difendono SEMPRE a vicenda, anche quando sanno benissimo che il loro familiare ha torto. Ciò è dovuto al fatto che la famiglia è l'unica entità che ti difenderà sempre, che tu abbia torto o ragione, quindi ti conviene tenertela buona. Allo stesso modo, le altre famiglie ti daranno SEMPRE contro, anche quando sanno benissimo che il loro familiare ha torto marcio.

Questo è uno dei motivi per cui non fidarsi MAI di un terronmusulmano. Lui non ci penserà due volte a tradirti pur di non mettersi contro la famigghia. In fondo, voi siete solo amici e potete anche non vedervi mai più. Lui con la sua famiglia ci dovrà convivere a vita!

Inoltre, i giovani terronmusulmani non si liberano mai dal giogo della famigghia. Molti di loro hanno il matrimonio forzato (diciamo "organizzato") dai loro familiari, il lavoro trovato tramite passaparola familiare, la casa scelta dai rispettivi genitori e così via. In generale, il terronmusulmano accetta di farsi comandare dalla famiglia in un modo che tutti gli altri popoli considerano orrendamente medievale. Da notare che ho visto vari terroni di buona famiglia preferire andare a fare i camerieri a Londra pur di vivere la propria vita e non dovere più obbedire ai dettami dei loro zii, cugini, nonni, genitori e così via. Tanto di cappello!

Una delle tradizioni familiari più note è il Desi Wedding/ matrimonio tradizionale terrone:




Ossia un matrimonio organizzato dalla famigghia, con centinaia di invitati (molti dei quali si vedono una volta al decennio), lusso sfarzoso e una spesa che sarà pagata comodamente dagli sposi con un prestito decennale (quindi niente indipendenza economica e nessuna possibilità di mandare a cagare i familiari). Però non se ne può fare a meno, perchè non farlo equivale a offendere la famigghia. E poi, "fanno tutti così!"


E' da notare il concetto di Familismo amorale (LINK)

Conclusioni


Insomma, le conclusioni rimangono le stesse. I due popoli sono uguali, e a parte per quei pochi che riescono a voltare le spalle a quella cultura di merda il trattamento da riservare è questo:



I rest my case