Emigrante

Per i post relativi all'immigrazione in UK pregasi cliccare "Inghilterra" nell'indice a destra, piccoli bambini speciali!

venerdì 27 gennaio 2017

2083 - Una dichiarazione di indipendenza europea - Libro 2.47 - La lobby wahhabita in Europa


  1. 2.47 La lobby wahhabita in Europa


Gli estremisti si riuniscono perchè hanno paura dell'intolleranza.
Autore: Stephen Schwartz - 10/06/2005, Varsavia


Avrei dovuto capire che c'era qualcosa che non andava. Alla fine di Settembre, l'OCSE (organizzazione per la sicurezza e la cooperazione), un organo internazionale composto da 55 nazioni, incluse dittature assolute come la Bielorussia, ha indetto una tavola rotonda nella ridente città di Varsavia. L'argomento della riunione era “l'intolleranza e le discriminazioni contro i musulmani.” A parte i diplomatici OCSE, lo staff e due rappresentanti della commissione americana per la libertà religiosa, i partecipanti erano 25 rappresentanti delle ONG musulmane e dei garanti per i diritti umani da varie nazioni nordamericane ed europee.

Avrei dovuto fiutare i problemi dato che ho visto molti intrighi da parte dell'OCSE, fin dai tempi della guerra in Bosnia-Herzegovina e Kosovo degli anni 90. Non dimenticatevi che l'OCSE ha avuto il coraggio di proporsi come “osservatore” per le ultime elezioni presidenziali americane. Come scritto nel The Weekly Standard, l'OCSE ha dato il peggio di sé nei Balcani.

Per dirla semplice, l'OCSE è political correctness personificata. Il suo scopo è il combattere l'intolleranza e le discriminazioni verso tutti, che siano prostitute, studenti o chiunque altro. E' evidente che l'OCSE considera l'Islam, con i suoi massacri in vari paesi, come un “cattivo cliente”, al punto da dovere relegare la tavola rotonda sui musulmani in un posto fuori dal perimetro dell'edificio, e a tenere le riunioni dei musulmani nel sotterraneo di un hotel.

Ci sono fonti affidabili che dicono che la conferenza di Varsavia è stata una concessione in cambio del permesso di svolgere una conferenza sull'antisemitismo a Cordoba, in Spagna. Alla fine la conferenza di Varsavia è stata poco più di un teatro per permettere a dei fanatici violenti venuti da paesi come la Danimarca o la Gran Bretagna per difendere l'integralismo islamico. Alla fine gli integralisti europei si sono rivelati molto più violenti, aggressivi e offensivi di quelli americani.

A un certo punto un religioso proveniente dalla Gran Bretagna, l'Imam Abduljalil Sajid del Consiglio Musulmano per l'Armonia Razziale e Religiosa ha passato una mattinata insultando pesantemente Tony Blair per avere ridotto i diritti civili dopo gli attacchi del 7/7. Prima di ciò, il leader religioso ha risposto “ho sparato a tutte le scuole islamiche” dopo che gli hanno chiesto quale scuola di giurisprudenza islamica seguisse.


Imam Sajid ha intrattenuto il pubblico con i racconti di tutte le volte in cui ha attaccato Blair, dicendo al primo ministro che l'Islam e il terrorismo sono fenomeni del tutto separati. Inoltre, Sajid ha attaccato le reclusioni di Guantanamo. Per i musulmani presenti, gli attacchi a Londra e l'ideologia che li ha ispirati sono irrilevanti. L'unica cosa di cui gli importa è la reazione legale degli inglesi, degli americani e delle altre autorità europee.

La frase: “lotta contro l'estremismo” era presente nell'agenda dell'incontro, ma non è stata discussa se non in un sussurro durante il discorso di chiusura da parte del diplomatico turco Omur Orhun, che ha affermato che il problema dell'estremismo dovrà essere affrontato prima o poi dato è ciò che ha dato il via all'incontro. A sentire gli altri partecipanti, sembra che i non musulmani in Europa abbiano paura dei musulmani solo perchè sono razzisti o per colpra delle politiche estere degli USA (come affermato dal Nuzhat Jafri del Canadian Council of Muslim Women.)

Quando ho provato a dire che i terroristi Wahhabiti hanno colpito anche Marocco e Indonesia, paesi che non hanno niente a che fare con gli USA. Ho anche sottolineato che ci sono stati attentati in Turchia, un paese che si è opposto alle politiche americane in Iraq. Ms. Jafri si è limitata a dire che ci sono anche altre cause per il terrorismo, ma si è guardata bene dal descriverle.

Altri rappresentanti erano ancora più espliciti. Sembra che i paesi scandinavi non riescano a tenere gli estremisti maomettani fuori dai loro territori. Uno di questi rappresentanti era Bashy Quraishy, un uomo che rifiuta di definirsi religioso e che afferma di non essere un musulmano praticante, ma che ha deciso di fare carriera presentandosi come un esperto di cultura islamica e difendendo l'integralismo islamico.

Quraishy ha fatto del suo meglio per prendersi il palcoscenico. Mentre l'Imam Sajid affermava che non ci sono legami tra l'Islam e il terrorismo, Quraishy chiedeva che affermare una cosa simile sui media fosse proibito. I depliant che aveva rilasciato erano allucinanti: per lui il documentario della CNN "America Under Attack" era offensivo e pieno di pregiudizi. Secondo Quraishy, “non ci sono prove che nessun paese o gruppo abbia responsabilità per gli attacchi del 11 Settembre, e tutte le accuse all'Islam sono atti di razzismo.”

Quraishy ha riciclato gli attacchi di Jude Wanniski contro Richard Perle definendolo “un malvagio. Un giornalista nazionalista che usa termini anti islamici come mezzi di propaganda.” Quraishy ripete i clichés di al Qaeda and e dei suoi sostenitori: “Le Crociate sono tornate”, “Saddam in Iraq era solo un piccolo dittatore” e altri. I depliant di Quraishy affermavano che i termini "fondamentalista," "ghetto," e "gang organizzata su base etnica” siano termini razzisti e che non andrebbero usati nei media.

Il resto degli oratori era meno fervido, ma altrettanto assurdo. I musulmani canadesi si lamentano dell'effetto del Patriot Act americano sul loro paese. Tutti usavano termini come “quei cosiddetti terroristi” Il britannico Mohammed Aziz, di Faithwise, ha dichiarato che i membri della sua comunità devono fedeltà prima ad Allah, poi all'Ummah (la comunità islamica) e poi al paese in cui vivono.

Tutto questo è stato detto solo tre mesi dopo gli attacchi a Londra. L'incontro è finito senza produrre niente, se non la decisione di fare altri incontri. Sembra che l'OCSE, così come tutta l'Europa, abbia poco da fare contro la minaccia del fondamentalismo islamico, a parte stare a sentire le false accuse di razzismo.

Stephen Schwartz scrive spesso sul giornale The Weekly Standard.


Fonti:

http://www.weeklystandard.com/Content/Public/Articles/000/000/006/174gxfos.asp








Nessun commento :

Posta un commento

Ma che cazzo vuoi? Chi sono secondo te, quel porco di cristo?