Emigrante

Per i post relativi all'immigrazione in UK pregasi cliccare "Inghilterra" nell'indice a destra, piccoli bambini speciali!

lunedì 13 febbraio 2017

2083 - Una dichiarazione di indipendenza europea - Libro 2.49 I musulmani moderati e l'islamizzazione


2.49 I musulmani moderati e l'islamizzazione



(1) Chi sono i nostri nemici? Sono solo gli islamici che compiono materialmente gli attentati?

(2) Perché i musulmani moderati non si oppongono ai fanatici? Sono veramente contro di loro? Sono dalla loro parte o dalla nostra?


Il terrorismo è solo uno strumento, una tattica usata dagli islamici per i loro scopi. In caso, i musulmani non si farebbero problemi ad abbandonare il terrorismo se avessero tattiche migliori a disposizione. Il terrorismo non è il nostro nemico, ma solo uno dei tanti strumenti usati dai nostri veri nemici. Alcuni usano il termine “guerra al terrorismo” per essere politicamente corretti e per non fare innervosire i musulmani, finendo così per fare il loro gioco e non dover dire quale sia il vero nemico. Dobbiamo definire chiaramente quali islamici siano i nostri nemici, e perchè.

La dottrina islamica non consiste solo nel Corano, ma anche nelle Sunna (Ahadith e Sira). In questi testi ci sono versi pacifici e violenti, ma i versetti più pacifici e tolleranti (quelli scritti alla Mecca) vengono abrogati dai versetti violenti e intolleranti scritti dopo, a Medina. Ci sono alcuni versetti che invitano alla pace verso i non musulmani, ma sono abrogati dai successivi. Molti usano questi versetti per ingannare gli occidentali e non fargli capire quale sia la vera dottrina verso di loro. I musulmani non vogliono fare sapere che la loro dottrina condanna gli infedeli all'inferno solo perchè rifiutano gli insegnamenti di Maometto.

Cos'è un “musulmano moderato”? Bisogna capire la differenza tra un musulmano moderato e quello che un occidentale chiamerebbe un cattolico non praticante. Un musulmano vuole seguire il Corano e gli esempi del Profeta, oltre a instaurare la Shariah per come viene descritta dal Corano e dalla Sunnah.

Il musulmano moderato è quello che non riesce ad accettare tutta la dottrina islamica, e quindi prende solo le parti che gli piacciono. Ciò è proibito dalla religione, e lo rende un non musulmano a tutti gli effetti. Esiste una proibizione verso l'interpretazione personale dell'Islam, dato che le uniche interpretazioni accettate sono quelle che sono state stabilite secoli fa. Non è permesso arrivare a nuove conclusioni che contraddicano le vecchie. La “Ijtihad”, l'interpretazione non basata su un caso precedente, è proibita fin dall'undicesimo secolo, e ogni musulmano deve rispettare questa proibizione. Fare innovazione religiosa è un crimine molto serio per un islamico.

La Shariah è l'applicazione pratica del Corano e dalla Sunna, che deve essere accettata da un musulmano moderato. Anche se i musulmani in Europa non lo sanno data la mancanza di educazione (molto comune dato che i chierici cercano di tenere nascoste le parti più sgradevoli dell'islam fino a che i musulmani europei saranno una minoranza), si tratta comunque di un obbligo. Quando i musulmani capiscono di avere seguito idee sbagliate riguardo alla dottrina, dopo un po' accettano di avere sbagliato e iniziano a seguire l'Islam vero e proprio.

Molti musulmani europei accettano di seguire le leggi locali solo perchè sono ancora una minoranza. Quando saranno la maggioranza, la loro dottrina li obbligherà a rendere obbligatorie le leggi e le regole islamiche. Molti musulmani sono ignoranti riguardo alla loro stessa religione, oppure sono stati ingannati dalla propaganda liberale, ma quando arriverà il momento dovranno mettersi da parte e accettare il vero Islam. Le interpretazioni liberali e tolleranti dell'Islam non hanno alcuna base teorica o dottrinale, e sopravvivono solo fino a che i veri musulmani le permettono. Molti musulmani abbandoneranno queste interpretazioni appena si renderanno conto di avere sbagliato, dato che questo è il dovere di ogni musulmano. Molti di loro lo faranno a malavoglia, ma lo faranno lo stesso. Il Corano stesso dice (Sura 2:216) che a volte bisogna fare cose sgradevoli dato che fanno bene. E' probabile che solo una piccola minoranza si allontanerà dall'Islam, dato che l'apostasia viene punita con la pena capitale.

Un musulmano moderato non è un riformista capace di eliminare quei principi islamici incompatibili con la vita moderna, ad esempio quelli che violano i diritti umani. I musulmani moderati vogliono la stessa cosa che vogliono i fondamentalisti, ossia l'instaurazione della Shariah in Europa. Anche se il moderato si oppone a certe parti della Shariah, la preferiscono alle leggi europee. Perchè un musulmano vorrebbe mai rinunciare alla Shariah? La Shariah gli consente l'oppressione delle donne, cosa importante per la vita dei musulmani. La Shariah gli consente di arricchirsi senza difficoltà, dato che nel futuro gli europei saranno schiavi (dhimmi) e le loro proprietà saranno espropriate a favore dei nuovi padroni musulmani.

La Shariah è prima di tutto un programma politico, con solo un piccolo accenno alla religione (per come verrebbe definita da un occidentale). I suoi contenuti contraddicono i diritti umani e i principi politici occidentali: secolarismo e democrazia. Un moderato non sente il bisogno di lavorare per la Shariah, dato che non esiste ancora un leader islamico riconosciuto e che non è stata ancora proclamata la jihad in Europa. Da questo punto di vista moderati e fondamentalisti sono diversi, ma gli obiettivi a medio e lungo termine sono gli stessi.

L'idea europea di musulmano moderato è molto differente dal concetto islamico di musulmano moderato. L'europeo pensa a un musulmano moderato come a una persona che si ritiene musulmana ma che contravviene regolarmente alle regole islamiche e segue valori occidentali come laicismo, libertà, diritti umani, democrazia e protezione delle minoranze. In realtà, queste persone praticano una fede che non ha nulla a che vedere con l'Islam. Non si tratta di musulmani “moderati” o “riformati”, ma di non musulmani. Inoltre, queste persone sono ancora molto poche.

Per concludere: quello che gli europei chiamano un “musulmano moderato” è un ex musulmano che ha abbandonato la sua fede. La sinistra occidentale crede che questi ex musulmani rappresentino la fede islamica, dato che hanno paura di affrontare i contenuti dell'islam vero e proprio. Per quanto ci si sforzi, è impossibile dire onestamente che l'Islam sia pacifico, tollerante e rispettoso dei diritti umani.

Ci sono prove che non ci siano differenze teologiche tra i fondamentalisti e i moderati, a parte il fatto che i fondamentalisti prendano l'Islam più sul serio. Uno degli obblighi religiosi islamici è quello di instaurare la Shariah appena ne avrà la possibilità e avrà abbastanza potere. Alcuni credono che sia necessario impegnarsi a tale scopo. I moderati credono che non ci sia nessun obbligo fino a che i musulmani non saranno al potere (a meno che non ci sia una jihad che lo ordina.) E' probabile che molti di questi moderati vogliono che i musulmani prendano il potere e instaurino la Shariah.

Nel mondo musulmano la dottrina tradizionale è quella più diffusa. Ci sono interpretazioni moderne che si stanno estinguendo dato che il vero Islam sta prendendo il controllo delle comunità islamiche nei paesi occidentali. Per un musulmano è molto difficile contestare l'islam tradizionale, dato che tutte e quattro le scuole sunnite coincidono riguardo a molti argomenti. Si dice i terroristi abbiano preso il controllo dell'islam. Ciò è falso, anche nei casi in cui i terroristi hanno interpretato il Corano in maniera troppo estrema. Quel che avviene è il contrario, ossia persone sane, normali e pacifiche che cadono sotto il controllo dell'islam e diventano nemiche fanatiche della democrazia, della libertà e dei diritti umani. Alcune di queste persone passano al terrorismo, ma ciò dipende da loro problemi psicologici o sociali, non dall'islam.

Molti vivono una vita miserabile, al punto che sperano solo di morire e andare in paradiso. Alcuni hanno paura dell'inferno. Altri, specialmente giovani cresciuti in ambienti repressivi, anelano tanto al sesso libero in paradiso da trascurare tutto il resto. Altri credono che questa vita sia meno importante della prossima, e cercano di raggiungerla in fretta tramite il martirio, la via più sicura per il paradiso. Altri sono individui logici e razionali, che arrivano alle loro conclusioni tramite lo studio del Corano, delle Hadith e della Sunna.

In molti casi, un musulmano moderato ha gli stessi obiettivi di un fondamentalista, è solo che si rifiuta di prendere le armi e combattere fino a che non arriverà la Jihad ad ordinarglielo. Non ci sono altre differenze tra moderati e fondamentalisti, il loro obiettivo finale è lo stesso. Inoltre, quando si parla con un moderato bisogna sempre tenere in mente il concetto di Taqiyya. Senza una riforma religiosa che proclami i diritti umani ed elimini le parti inaccettabili del Corano, le opinioni dei moderati non hanno alcuna base religiosa. Le opinioni crollano in fretta davanti alla pressione. Non ci si può basare sulla speranza che i moderati rimangano tali, se non c'è una riforma religiosa vera e propria. Qui si parla della sopravvivenza della nazione, e non la si può basare su di una speranza così debole.

Il multiculturalismo dice che tutte le culture e le religioni sono uguali. Ciò è sbagliato. Le persone sono uguali di fronte alla legge, ma le opinioni, le culture e i valori non sono uguali. Ci sono opinioni, valori e culture compatibili con la vita moderna, e altre che non lo sono. Dal punto di vista politico e umanistico, tali opinioni e valori sono incompatibili con la nostra società.


Fonti:


http://www.islam-watch.org/NoSharia/PreventEuropeIslamization1.htm

Nessun commento :

Posta un commento

Ma che cazzo vuoi? Chi sono secondo te, quel porco di cristo?